Asparagi

Il Medio Campidano, oltre che per i suoi carciofi, è conosciuto anche per i suoi asparagi: sia quelli selvatici, più fini e amari, che quelli coltivati, più dolci e versatili in cucina. L’asparago non è altro che il germoglio della pianta omonima: se raccolto al momento opportuno è molto tenero, mentre diventa legnoso col passare del tempo.

Un buon asparago si riconosce perché quando viene piegato si spezza, senza torcersi. Il colore può variare notevolmente, in particolare fra la varietà selvatica, di un verde intenso, e quella coltivata, di un verde più chiaro.

Grazie a una collaborazione consolidata con i produttori e i raccoglitori locali, la nostra azienda commercializza ogni anno circa 800 quintali di asparagi, un dato che continua a crescere anno dopo anno.

Hai un’azienda di trasformazione,
sei un rivenditore o gestisci un supermercato?

Scopri come acquistare i nostri prodotti.

ASPARAGI

Raccolta

I germogli dell’asparago nascono in primavera e possono essere raccolti da marzo a maggio. Una volta piantato, in genere tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, l’asparago impiega due anni per iniziare a produrre i primi germogli.

Abbinamenti

L’asparago ha un gusto molto caratteristico, che per certi aspetti può ricordare quello del carciofo. Va consumato cotto e gli abbinamenti ideali sono con i latticini, con le uova oppure anche con i crostacei, in particolare per il condimento di primi piatti. Si consiglia la conservazione in frigo, in un panno umido, per un massimo di 3-4 giorni. I gambi possono anche essere immersi in acqua fredda, ma in questo caso dovranno essere consumati entro 24 ore.

Call Now ButtonChiama